Samharam Tourist Village

ingresso del Samharam

L’albergo è composto da un nucleo centrale dove si trovano la reception e il ristorante, un giardino tenuto benissimo, e le camere, blocchi in cemento bassi in tipico stile tradizionale, disposti in file ordinate intorno alla piscina e sul lato più esterno.

Appena si entra si è avvolti in una nuvola di incenso, lo accendono spesso durante il giorno. I ragazzi al desk di accoglienza sono vestiti con il loro abito tradizionale e hanno occhi neri e affascinanti. Con poche parole di saluto nella loro lingua siamo subito entrati in sintonia.

Le camere sono spaziose, ben arredate e pulite. Sono disposte lateralmente al giardino oppure nella fila subito dietro, in ogni caso tutto è raggiungibile con pochi passi

La piscina è molto grande e profonda e la sera viene illuminata con giochi di luce di grande effetto. Intorno alla piscina un chiosco dove il personale fornisce i teli mare e dove li puoi riporre una volta usati. Vengono cambiati quotidianamente. Lateralmente alla piscina un ristorante in legno con vista sulla meravigliosa spiaggia

esterno del Samharam

relax in piscina

Il Ristorante a Buffet o a la carte, offre piatti tipici abbastanza semplici. Per chi non ha i pasti compresi nel pacchetto, i prezzi non sono proprio economici.

Possiede la sua spiaggia privata dove si può stare tranquillamente in costume, perchè anche in Oman per quanto siano aperti alle altre culture, sono Musulmani e non è consentito stare in costume sulle spiagge pubbliche. La spiaggia, grandissima, è selvaggia ma pulita e ogni mattina gruppi di 80/100 dromedari passano di li per andare a pascolare lungo la costa.

 

dromedari sulla spiaggia di Salalah

Non ci sono navette per spostarsi dall’hotel, ma basta farsi chiamare un taxi oppure uscire all’esterno lungo la strada per trovarne uno e a 5 minuti si può raggiungere qualsiasi posto.

 

ARTICOLI CORRELATI

GiroVolando, la gioia della partenza, la gioia del ritorno

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.